www.arcoiris-onlus.it
 

 

INIZIATIVE
STATUTO 2019
News
5 per mille ad Arcoiris
Biglietti Lotteria
CONTRIBUTI PUBBLICI
Chi siamo
   Chi siamo
   Cosa facciamo
   Dove operiamo
   I nostri referenti
I progetti
   I progetti in corso
   I progetti realizzati
Se vuoi aiutarci
   Diventa socio
   Adotta a distanza
   Partecipa di persona
   Versa sul c/corrente
Biglietti di Auguri
FOTO
Links
Contattaci

Aggiungi ai preferiti




    Home > I progetti > I progetti realizzati
 

Carrozzelle per gli indios Pataxò
Spedite questo articolo ai Vostri amicistampa
giugno 2007 -

Sono state consegnate agli indios Pataxò della riserva del Monte Pascoal le carrozzelle acquistate, in aggiunta al materiale per il progetto antidiabetico per i quartieri poveri di Itamaraju, grazie al sostegno della ditta Petrolvilla-Bortolotti di Trento-Villalagarina,

La richiesta di questi strumenti per disabili e di un’ambulanza era giunta l’anno scorso ai nostri soci, Giuseppe e Italo, da parte della comunità degli indios Pataxò della riserva del "Monte Pascoal".

Il veicolo a trazione integrale 4x4, con funzioni di ambulanza, è stato acquistato nell'estate 2006 con l’aiuto del Comune di Trento e dei sostenitori di Arcoiris. Già da quasi un anno trasporta ammalati e persone che necessitano di controlli sanitari dalla riserva alle città di Itamaraju, Porto Seguro, Eunapolis e agli ospedali della zona.

Le 13 carrozzelle sono state acquistate e consegnate da frei Dilson, a nome della nostra associazione, a persone bisognose, bambini, giovani, anziani, con problemi di deambulazione, di vari villaggi (aldeias) attorno a "Barra Velha”, che è l’aldeia madre, tra il litorale atlantico e la foresta, a cavallo dei comuni di Porto Seguro, Itamaraju, Cabralia, Itabela, Eunapolis. Le utilizzano persone che erano bloccate in casa da anni: potete immaginare cosa significhino per loro!

Gli indios Pataxò sono una popolazione estremamente povera ed emarginata. Sono i primi indigeni brasiliani visti dall’uomo bianco, dai portoghesi che esattamente nel 1500 sbarcarono in Brasile proprio in quel punto, che chiamarono “Porto Seguro” e che poi divenne la “Costa do Descobrimento”. Il Monte Pascoal si chiama così perché è stato avvistato per primo, dal mare, il giorno di Pasqua del 1500.

Fra la popolazione indios Pataxò é forte la volontà di conservare e tramandare la propria storia, cultura, usi e costumi, dopo che in passato l'identità di questo popolo indigeno è stata fortemente minata. Da tempo Arcoiris conosce le difficoltà e l’estrema povertà in cui vivono i Pataxò del Monte Pascoal: per questa ragione dal 2005 ci siamo proposti di inserire nei nostri progetti anche un aiuto a questa popolazione. L'acquisto delle 13 carrozzele rientra in questo progetto.


Altre informazioni sugli indios pataxò del monte Pascoal e sull'ambulanza per i Pataxò
  




















 

www.arcoiris-onlus.it     

^top

 
 
 
    Arcoiris-onlus.it�2020 -- chk_sum: 0.01|ob_gz
2008